Cominciamo questo articolo con una domanda: quante ore passi in una settimana a leggere (email, quotidiani, libri, riviste, ecc.)? 10? 20? o forse anche di più?

Anche immaginando una singola ora di lettura al giorno, significa 365 ore in un anno. Si tratta dunque di una attività parecchio impegnativa e che necessita di importanti attenzioni.

Eppure ricordi quando è stata l'ultima volta che ci è stato insegnato qualcosa sulle tecniche di lettura? In prima elementare, all'età di 6 anni...

Sarai d'accordo con me che è ora di rimettere mano a tutto ciò e spostarci verso nuove frontiere nell'efficienza della lettura.


Lettura veloce


In questo articolo mi voglio soffermare su un aspetto determinante che da solo può farti incrementare in modo stupefacente la tua velocità di lettura. Sto parlando della concentrazione

Avrai certamente notato come leggendo al ritmo che ci è stato insegnato (o addirittura più piano) la nostra mente comincia sempre di più a distrarsi. La distrazione, ossia la sottrazione di energie attentive, è un problema gigantesco quanto parliamo di efficienza della lettura.

Se ti è capitato di fare qualche escursione in montagna, di certo avrai presente il fatto che il tuo corpo manda segnali di affaticamento e di stress quando devi procedere a un ritmo più lento del tuo (se sei in compagnia di qualcuno che cammina più lentamente). Per la nostra mente... è la stessa cosa!

La nostra capacità di elaborazione delle informazioni in arrivo è di gran lunga superiore al ritmo che comunemente teniamo leggendo. E la mente comincia spontaneamente a pensare ad altro, poiché le informazioni che le stiamo fornendo arrivano troppo lentamente.

Ecco allora che andare più veloci non è un problema, è una risorsa. Quando corriamo, al di là di qualche eventuale affaticamento momentaneo, sentiamo di fare qualcosa che fa stare bene il nostro corpo. La mente desidera qualcosa di simile e leggendo più rapidamente possiamo cogliere tutto ciò che di importante per noi c'è da cogliere.

Lettura rapida e concentrazione vanno dunque a braccetto.

Ti propongo ora una tecnica semplice e potente per sperimentare da subito una incrementata velocità di lettura.

Questa tecnica è molto facile da applicare, ed è la seguente.

TECNICA: leggi senza mai tornare indietro.

Non sto dicendo che non debba mai succedere di tornare su un passo difficile già letto per comprenderlo meglio, quello che intendo è che con questa semplice strategia toccherai con mano come i continui e inutili avanti e indietro della lettura dimezzino la tua velocità.

Visualizzati a letto con un libro (capita a tutti, anche tutti i giorni): quante volte ti succede di rileggere anche più volte dei passaggi? Per la gran parte dei lettori in questa circostanza ogni pagina viene letta almeno due volte...

Sperimenta allora questa tecnica, per ora su testi d'esercizio, misurando prima la tua velocità di lettura attuale.

Prendi due testi della stessa lunghezza e prova a leggere il primo normalmente registrando il tempo che ti ci è voluto. Leggi poi il secondo senza tornare indietro, registra il tempo e verifica cosa è cambiato.

Non poter tornare indietro stimolerà molto la tua concentrazione per l'effetto "adesso o mai più".

In sintesi ecco una sessione di lettura che ti suggerisco:

  1. mettiti seduto con la schiena a circa 90° rispetto alle gambe
  2. chiudi gli occhi
  3. per due-tre minuti circa concentrati sulla tua respirazione e lasciala andare in modo naturale (questo ti rilasserà e ridurrà il "rumore" della mente causato dai mille pensieri che tutti abbiamo). Senti l'aria che entra ed esce, percepiscine sia la sensazione fisica che il suono.
  4. riapri gli occhi e VAI, leggi senza guardarti indietro, sperimenta la sensazione di essere "qui e ora" e di assorbire ciò che stai leggendo.
Sono certo che facendo del tuo meglio osserverai un aumento importante della tua velocità, un primo grande passo verso una nuova e vera efficienza della lettura.





Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google Plus